fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us

Ammissione clamorosa: Facebook e Microsoft hanno svelato dati privati

Colpo di scena clamoroso nel corso dell’operazione Datagate. Microsoft e Facebook ammettono di aver soddisfatto circa 20.000 richieste di informazioni inerenti agli account

Facebook e Microsoft ammettono di aver comunicato dati degli utenti

I grandi nomi del web hanno rivelato i dati sulle richieste di informazioni ricevute dal governo statunitense in merito al programma di spionaggio organizzato dalla NSA (Agenzia per la Sicurezza Nazionale Americana). Facebook e Microsoft, nel tentativo (forse vano) di recuperare credibilità agli occhi dei loro utenti hanno dovuto ammettere che, a seguito del programma Prism, il governo USA può accedere ai server di nove grandi colossi su internet, ma, si sono difesi, rispondendo di aver concesso solo limitate informazioni.

Il social network blu comunica che da giugno a dicembre 2012 ha ricevuto circa 10.000 richieste di informazioni private da parte delle autorità riguardanti poco meno di 20.000 account di utenti, per Facebook è comunque un fenomeno trascurabile se si prende in considerazione  gli oltre 1,1 milioni di utenti.

Microsoft comunicato di aver ricevuto “solamente” tra 6.000 e 7.000 richieste di dati su circa 31.000 account di utenti (sempre nel secondo semestre 2012).

E cosa riguardano queste richieste?

Dalle inchieste della polizia su sparizione di bambini, ai piccoli reati, alle minacce terroristiche.

E la privacy?

Ted Ullyot, avvocato n.1 di Facebook ha sottolineato che l’azienda protegge “in modo assoluto” la privacy dei suoi utenti, rifiutando spesso queste richieste oppure chiedendo al governo di ridurle, o semplicemente fornendo meno dati possibili.

Sarà vero?

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.