fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us

Facebook e bufale, è l’era delle catene di s.Antonio digitali

Sulle bacheche Facebook sono sempre più presenti messaggi strani, inneggianti a strani abusi di privacy: bufale di S.Antonio .

Un esempio?facebook la bufala corre sul social

 

Questo messaggio è assolutamente e totalmente una bufala nel migliore stile.

La prima cosa che mi ha fatto sorridere è stata la “in perfetto stato delle mie facoltà mentali”…. siamo sicuri?? (dai scherzo non offenderti!)

Leggendolo ci insospettisce il linguaggio incerto ed il tema abbastanza stravagante, seriamente pensiamo che un post scritto su una bacheca possa avere una valenza legale? Gli utenti Facebook dovrebbero essere ben consapevoli di aver sottoscritto, al momento dell’iscrizione, un preciso contratto tra le parti che presuppone che i due contraenti siano bene informati dei relativi impegni, lo hai mai letto?

Inoltre altra cosa che dovrebbe far sorgere dei sospetti sono i riferimenti normativi, ad esempio la “convenzione Berner” è una traduzione maccaronica di convenzione di Berna (che regola il Copyright a livello internazionale delle sole opere coperte da diritto d’autore, normativa che non vale per il materiale personale che solitamente si pubblica su Facebook).

Se poi vogliamo parlare delle norme sudamericane che non hanno alcun valore in Italia o lo Statuto di Roma, se provate a leggere su Wikipedia – Statuto di Roma, capirete gli scopi un po’ più importanti rispetto alla tutela dei contenuti privati su Facebook.

Da notare che di questo messaggio, che ancora una volta ricordo essere falso, ce ne sono alcune varianti, ad esempio:

“Qualsiasi persona o ente o agente o agenzia di qualsiasi governo, struttura governativa o privata, utilizzando o il monitoraggio di questo sito o qualsiasi dei suoi siti associati, non ha il mio permesso di utilizzare informazioni sul mio profilo, o qualsiasi parte del suo contenuto compaia nel presente, compreso ma non limitato alle mie foto, o commenti sulle mie foto o qualsiasi altra «immagine» pubblicata nel mio profilo o diario.

Sono informato che a tali strutture è strettamente proibito divulgare, copiare, distribuire, diffondere o raccogliere informazioni o intraprendere qualsiasi altra azione riguardante o contro di me tramite questo profilo e il contenuto dello stesso. Divieti precedenti si applicano anche ai dipendenti, stagisti, agenti o qualsiasi personale sotto la direzione o il controllo di dette entità. Il contenuto di questo profilo è privato e le informazioni in esso contenute sono riservate al circolo di persone alle quali esso è destinato. La violazione della mia privacy è punita dalla legge. UCC – 1 – 308 – 1-103.

Facebook è ora un’entità quotata in borsa. Tutti sono incoraggiati a pubblicare un bando come questo, o se preferite, è possibile copiare e incollare questa versione. Non pubblicare tale dichiarazione almeno una volta, indirettamente permette l’uso di oggetti quali immagini e informazioni nei vostri aggiornamenti di stato pubblici.”

Per concludere, “Facebook è un’ente pubblico” recita uno di questi messaggi, ci pensate povero Zuckerberg se la sua azienda fosse un’ente pubblico dopo tanti sforzi?

Una volta ricevevamo in cassetta delle lettere che minacciavano disgrazie se non ne fossero scritte ed inviate altre 10, oggi la catena di s.Antonio corre sul digital… è giunta l’ora di smettere di credere a queste burle e farle finire.

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.