Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us
Agenzia di comunicazione Lucca | Facebook ci ascolta e ci mostra una pubblicità dedicata?
16474
post-template-default,single,single-post,postid-16474,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Facebook ci ascolta e ci mostra una pubblicità dedicata?

facebook ci ascolta?

Facebook ci ascolta e ci mostra una pubblicità dedicata?

Facebook ci ascolta e ci mostra la pubblicità in base a quello che diciamo?

Mi capita sempre più spesso di ricevere domande riguardo alla percezione che hanno sempre più persone che, quando parlano di qualcosa, poi di questo “argomento” viene mostrata la pubblicità su Facebook.

Cerchiamo di capire insieme se questo è possibile formulando 3 ipotesi, due delle quali del tutto plausibili e una un pochino più… da Adam Kadmon.

  1. Parola chiave: Remarketing. Alcuni giorni fa hai cercato online una parola chiave, ad esempio “TV Samsung” (magari 10/15 giorni fa) e successivamente hai accantonato l’idea di cambiare televisione. Nel mentre, ad una cena con amici ti sei messo a confrontare le televisioni della Samsung per comprendere quale possa essere la migliore da acquistare. Nei giorni successivi Facebook ti mostra proprio quelle televisioni, ma il motivo è che 10 giorni fa le hai cercate (e te ne sei dimenticato) non che ne hai parlato a cena;
  2. Algoritmo predittivo: Questa ipotesi è molto più stimolante e ti posso assicurare che esistono, Amazon li utilizza e funzionano in base ai big data e alle statistiche, non ascolta: prevede. In pratica sono algoritmi elaborati ad hoc che, incrociando big data e attività di analisi sulle ricerche, sulle parole chiavi, sui comportamenti di navigazione riescono a impostare un’analisi dei comportamenti dell’utente e ad  ipotizzare le effettive preferenze del pubblico e i conseguenti comportamenti d’acquisto.
  3. Facebook ci ascolta. E’ ovvio che il microfono del nostro smartphone è controllato dalle App, pensa semplicemente a Siri o Google Assistant che si attivano quando li chiami, pertanto teoricamente sarebbe possibile un ascolto delle nostre conversazioni.

Ovviamente questa ultima ipotesi è assolutamente una congettura perché nessuna azienda rischierebbe una violazione della privacy di questa dimensione, pertanto oltre Adam, non penso che nessun altro possa realmente pensare ad una cosa di questo tipo…

Socialmente Vostro

Tags:
,
Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Founder e Strategic Planner dell’agenzia di comunicazione On Web. È consulente di comunicazione e social media marketing. SocialMedia / Web Strategist / SEO per aziende private ed enti pubblici a livello nazionale ed internazionale, formatore presso Confcommercio Lucca e Confindustria. Digital Champion per il comune di Capannori (Lucca) e esperto di comunicazione per il portale BeMyGuru. Ha partecipato come relatore a numerosi convegni a tema Smart Governance.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.