fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us
google plus chiude

Google Plus, non chiude, diventa solo business.

Google chiude Google Plus, è vero in parte.

La casa di Mountain View ha deciso, a seguito dello scandalo di un bug che esposto i dati di centinaia di migliaia di utenti, di chiudere la parte users del loro social.

In effetti, Google Plus, ha forse vinto la palma di social network più snobbato della storia, aperto da Google nel 2011, sta (parzialmente) chiudendo i battenti.

La vicenda è grave e sopratutto lo è il fatto che a renderla pubblica sia stato il Wall Street Journal secondo il quale i dirigenti di Google erano a conoscenza del bug dal mese di Marzo 2018.

Una vulnerabilità all’interno della piattaforma, che aveva il potenziale di esporre al furto i dettagli riservati di fino a 500mila utenti.

Ma attenzione, solo la versione del social dedicata al grande pubblico sparirà, mentre quella riservata alle aziende rimarrà online.

A seguito del racconto del Wall Street Journal, Google ha fatto mea culpa e attraverso un portavoce ha dichiarato che la società aveva in programma di rendere tutto pubblico spontaneamente già questa settimana, ma che il lavoro del Wall Street Journal ha accelerato i tempi.

Il reportage del Wall Street Journal racconta di un documento interno a Google nel quale i dirigenti del gruppo venivano avvertiti del rischio di un pericoloso danno di immagine conseguente alla diffusione della notizia in quel periodo. Era infatti Marzo 2018 il periodo successivo allo scandalo Cambridge Analytica, che ha colpito Facebook ed i suoi 87 milioni di utenti.

Il rischio di finire nella stessa posizione di Mark Zuckerberg ha fatto desistere il gigante del web da comunicare la notizia.

In cosa consiste il bug di Google Plus?

I particolari della vulnerabilità non sono stati dettagliati da Google: la società parla di un bug nel set di istruzioni dedicato agli sviluppatori di terze parti, che dava agli sviluppatori di app esterne accesso a nomi utente, indirizzi email, professioni, generi ed età di numerosi profili privati. Google si difende però comunicando che il bug, nato nel 2015, è stato corretto a marzo 2018 ma non era noto a nessuno degli sviluppatori che potenzialmente avrebbe potuto sfruttarlo.

Google, oltre a uccidere la versione consumer di Google Plus, ha deciso di aumentare la sicurezza dell’intera infrastruttura di interscambio tra i propri servizi e le app di sviluppatori terzi, limitando l’accesso che queste ultime possono richiedere e ottenere ai dati contenuti nei servizi Google (come Gmail) e alle funzioni dello smartphone, come la lista delle chiamate.

…direi che sia il minimo…

Socialmente Vostro

Marco

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.