fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us

Linkedin un valido strumento per la strategia aziendale

Come utilizzare Linkedin per fare social media marketing.

No, non parlerò di Facebook né di Twitter, questa volta voglio porre l’attenzione sul social network professionale per eccellenza, o forse meglio definirlo business community: Linkedin.

Grandi potenzialità come strumento di business ma spesso, troppo spesso, ignorato.

Certo Linkedin non fa i numeri che riesce a fare Facebook:

► 190 milioni di utenti nel mondo – ci cui 3 milioni circa in Italia

► 87 milioni di visitatori unici al mese

► Si tratta per la quasi totalità di un utenza business (aziende e professionisti)

► Oltre 1 milione e 200 mila gruppi

In realtà sono molte poche le aziende che utilizzano Linkedin come strumento di business seppure le opportunità per le aziende non sono da poco:

► Ben il 61% degli utenti cercano aziende per fare networking in ambito professionale;

► Sempre il 61% lo usa per mantenersi in contatto con colleghi e amici chiedendo consigli;

► E’ riconosciuto ormai nei paesi anglosassoni (USA, GB, Australia) e non solo per fare recruiting;

► Lo strumento dei Gruppi consente di creare delle vere e proprie community professionali che rappresentano uno strumento di visibilità eccezionale per le aziende che hanno particolari skill o competenze;

► Offre una piattaforma ottima per creare azioni di B2B.

B2B? Davvero? Linkedin?

Qualsiasi azienda o professionista che voglia aprirsi al magico mondo dell’advertising non può ignorare Linkedin.linkedin-ads

Uno dei sistemi meglio realizzati di pubblicità Pay-per-click (PPC) per chi lavora nel settore business to business. La piattaforma si chiama Linkedin Ads e consente di creare annunci pubblicitari visualizzabili da pubblici specifici. I pubblici sono selezionati in base a caratteristiche socio demografiche, i cui dati sono conservati dalla piattaforma in fase di registrazione.

Ovviemante se l’obiettivo azienda le fare B2B usare piattaforme come Facebook non avrebbe senso, mentre su Linkedin solitamente, si può avere un tasso di conversione notevole, alle volte ho raggiunto anche  il 40%.

Alcuni trucchi direttamente sulla base delle mie esperienze:

Fare prove, tante prove: è sempre meglio collaudare diverse forme di annuncio.

LinkedIn ads, in fase di costruzione dell’annuncio ci permette di fare test contemporanei con più annunci differenti.

Il mio consiglio è quello di partire “piano” con budget limitati a 10-15€ per poter confrontare i tassi di conversione dei differenti annunci e, una volta individuata la campagna che esprime un tasso di conversione maggiore, procedere a implementare la campagna destinandoci budget superiori .

Progettare sempre campagne a breve termine

Come in tutti i PPC il consiglio è quello di creare annunci con una vita breve. Campagne con annunci che durano troppo a lungo perdono efficacia in modo esponenziale.

Identificare bene il vostro pubblico e le parole chiave

Porre grande attenzione a questo punto è d’obbligo. Comprendere bene chi è il pubblico, utlizzando gli strumenti che LinkedIn ci offre: ricerca demografica, qualifica lavorativa, età, geolocalizzazione ed altro.

Attirate il pubblico con il “valore”

Non cercare di vendere ma di creare valore. Se il pubblico cliccando sulla pubblicità atterra su una risorsa di valore che ne soddisfi un’esigenza sarà molto più motivato a continuare nel contatto.

E sopratutto… fatemi sapere come è andata 😉

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.