fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us

Quando i social fanno cambiare idee ai politici

E’ una community su Facebook il peso che riuscirà a spostare l’ago della bilancia nella complessa diatriba tra Comune di Lucca e gli organizzatori del Summer Festival, la società D’Alessandro e Galli?

La pagina è nata il 10 gennaio 2014, dopo poche ore aveva circa 50 adesioni, in 3 giorni sono diventate più di 2.000.

vogliamo il summer festival

Il problema: il Comune ha tolto una biglietteria, sede ormai storica del Summer per realizzare in quel fondo la sede di un’attività di comunicazione con i cittadini sulle tematiche urbanistiche.

Il mio obbiettivo non è entrare nel merito della contesa, ma attenermi al fenomeno di comunicazione 2.0.

Per chi non lo sapesse, il Summer Festival è da 16 anni un evento che ha portato a Lucca artisti di livello mondiale, quali Bob Dylan, Jamiroquai, Seal, Zucchero, Ray Charles, Eric Clapton, Elton John, Anastacia e molti altri.

A livello turistico un evento senza pari.

Dopo uno sfogo del patron D’Alessandro che si è definito stanco di parlare con un’amministrazione sorda, i cittadini lucchesi hanno temuto di perdere la manifestazione tanto cara ed hanno creato una pagina per appoggiare l’organizzazione e l’evento.

I creatori della pagina hanno dichiarato:

“Stiamo assistendo ad una cosa assurda Lucca rischia di perdere uno degli eventi di maggior spessore culturale e di interesse turistico, il Summer Festival. Su questo palco sono saliti i più grandi artisti nazionali ed internazionali e porta un flusso di visitatori veramente notevole. Allora, ci domandiamo, ma come è possibile che un amministrazione comunale possa in qualche modo boicottare questo evento?”.

A seguito del successo della pagina anche l’amministrazione comunale, in un primo momento assente, non ha potuto restare in silenzio ed ha disteso gli animi aprendo ad un dialogo con gli organizzatori.

Quello che viene, a volte in modo dispregiativo, definito il popolo del web e che oggi non è più un gruppo di individui nascosti dietro a nickname, ma persone reali con nomi e cognomi, è riuscito a sbloccare una situazione che sembra andare nel peggiore dei modi.

Sono cittadini, persone che vivono la città, che votano e che pagano le tasse e che, in questo caso, chiedono a gran voce, di non far scappare da Lucca una manifestazione così bella ed importante anche per l’economica cittadina.

Il risultato di far riaprire il dialogo a due parti ormai arroccate sulle proprie posizioni credo sia già una grande conquista di questo nuovo modo di comunicare: a tutti gli effetti 2.0

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.