fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us
remarketing

Remarketing: giusto o sbagliato porta i suoi frutti

Il Remarketing è sicuramente uno strumento valido sopratutto in alcuni settori, il turismo ad esempio.

Iniziamo per gradi, in molti sanno cosa è il remarketing ma se sei arrivato qui e non sai cosa sia ti dico che lo hai già sicuramente visto nella tua navigazione web: hai presente quando cerchi un volo o guardi il sito di un albergo e poi lo ritrovi su tutti i siti che navighi?
Ecco quello è il remarketing.

In pratica è semplicemente un cookie (si, si, proprio quelli di cui tanto abbiamo sentito parlare recentemente – io l’ho fatto in questo articolo ) che viene installato nel tuo dispositivo mentre navighi un sito e che permette di identificarti come persona conosciuta.

Chi si occupa di comunicazione crea tutti i giorni campagne pay-per-clic con le quali attira su siti migliaia di potenziali clienti. In realtà solo una piccola percentuale di questi si traduce in acquirenti (secondo i dati più ottimistici il 2%) generando, quindi, una larga fetta di mancate conversioni.

Come recuperare questi mancati clienti?

Premesso che nessuno ha la sfera di cristallo, ma nel mondo del PPC (pay-per-click) possiamo usare l’arma del remarketing o retargeting.

E’ possibile creare “pubblici” molto segmentati a secondo della profondità della loro visita e ottimizzare il messaggio per ogni segmento, più i visitatori si saranno avvicinati alla conclusione dell’acquisto, maggiore sarà il loro interesse dimostrato nei nostri confronti.

Fantastico no?

Magari.

Questi visitatori hanno già visto il mio sito, mi conoscono, posso dedicare loro un’offerta con CPC (costo-per-click) più alto per apparire maggiormente nelle SERP (Search Engine Report Page – risultati su AdWords ad esempio) o su altri siti e le conversioni arriveranno a pioggia.

Falso! Spesso il tasso di conversione migliora solo di pochissimo, e a volte non migliora proprio.

Allora è inutile…. come ottenere di più?

Beh… se lo ritenessi inutile non ci avrei scritto un articolo sopra… il consiglio che ti do è quello di modificare il prezzo del tuo prodotto ad hoc.

Il grande vantaggio dato dalla possibilità di personalizzare l’offerta e di conseguenza il messaggio pubblicitario viene poco sfruttata dalle aziende, perché non proporre, magari ai soli utenti che hanno abbandonato il nostro sito di e-commerce all’ultimo passaggio dell’acquisto uno sconto di cui possa usufruire e che gli dia la possibilità di conoscere meglio il vostro prodotto?

Il mercato dei carrelli abbandonati vale 4 trilioni di dollari (circa 53 volte la fortuna di Bill Gates!), non sarebbe opportuno recuperare in qualche modo questi “non acquisti” magari rinunciando, in un primo approccio con il consumatore, ad una piccola percentuale di prezzo?

Nel tuo caso, la tua campagna di advertising, come si comporta?

Socialmente Vostro

Marco

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.