fbpx
Le nostre unit
  • Web
    Realizzazione siti web
  • Now
    Comunicazione & Marketing
  • Dev
    Software tailor made
  • App
    Applicazioni mobile
  • Vdo
    Video Aziendali & aerei
  • Pix
    Grafica pubblicitaria
  • Ict
    Consulenza informatica
  • Pho
    Servizi fotografici
  • For
    Formazione
Be social with us

Vuoi contattare i tuoi clienti via mail? Devi conoscere le regole

Oggi parliamo dell’email marketing.

Una frase del grande Galileo Galilei recitava: Misura ciò che è misurabile e rendi misurabile ciò che non è misurabile.

Questa affermazione è diventata un must per tutti coloro che si occupano di marketing ed oggi voglio farvi mettervi sull’allerta che, sebbene le campagne di email marketing siano misurabili, le loro metriche spesso possono essere fuorvianti, è necessario concentrarsi sulle cose giuste in base ai risultati che vogliamo ottenere.

Spam score: per il mondo siamo degli spammer?

spam

Una volta redatto il messaggio è necessario controllare il messaggio con uno spam score (alcuni provider li forniscono – altrimenti basta cercare su Google,  il primo esempio: http://spamscore.me). Questo strumento ci indica la possibilità di essere filtrati e di finire nella maledetta cartellina spam. Tra i trucchi  che vi consiglio ci sono di limitare i link presenti nel messaggio, non utilizzare i generatori di link brevi (spesso considerati spam) ed evitare alcune parole che sono state abusate dagli spammer (gratuito, gratis, rolex, ed altri vari che tutti conosciamo bene…) .

Open rate: quanti utenti hanno letto il nostro messaggio?

Uno delle principali metriche da tenere d’occhio quando si crea una campagna di email marketing è il numero di email aperte. Nel tempo questo dato vi fornisce informazioni sui giorni o le fasce orarie nelle quali vengono più frequentemente lette le email.

Click rate: quanti click abbiamo ricevuto?

Il click rate è una delle metriche più importanti, indica quante persone hanno interagito con la mail inviata ed hanno cliccato su uno dei link inseriti. Il significato principale è: quante persone hanno ritenuto interessante questa email tanto da cliccare su un link presente in essa.

Bounce rate: rimbalzare non è mai piacevole!

La percentuale di email che risulta respinta. Un dato alto può significare che nella nostra lista sono presenti indirizzi errati o non più esistenti, quindi vi consiglio di verificarli e “pulire” la lista per velocizzare gli invii futuri.

Complaint rate: lamentele? non chiudiamo le orecchie.

Il tasso delle lamentele è utile per capire come le campagne di email marketing vengono percepite dagli utenti, che si possono lamentare per:

  • il nostro iscritto non ricorda di aver accettato la ricezione dei nostri messaggi;
  • i nostri contenuti sembrano un po’ troppo spam;
  • stiamo tartassando i nostri utenti con continui invii.

Ricordiamoci quindi di tenere in grande considerazione le lamentele che riceviamo, non solo per il carattere numerico ma leggendole con attenzione possiamo migliorare la nostra comunicazione e correggere gli errori.

Unsubscribe rate: li stiamo perdendo!

Il numero di persone che si cancellano è indicativo sopratutto in caso di picchi. Se si registra un aumento significativo probabilmente abbiamo inserito nei nostri messaggi dei link corrotti, o li abbiamo stressati….. facciamo molta attenzione.

Infine vi consiglio, utilizzate gli strumenti giusti, non crediate che un semplice programma di posta elettronica possa fare al caso vostro…

Marco Baldocchi
Marco Baldocchi
m.baldocchi@on-web.net

Marco Baldocchi è nato a Lucca nel 1978, laureato in Comunicazione e Marketing internazionale in Svizzera fonda nel 2005 l’agenzia di comunicazione On Web. Nel 2018 fonda la Marco Baldocchi Group inc. , agenzia specializzata in neuromarketing, a Miami (Florida) e la Emotek Reality ltd. , azienda che si occupa di realtà aumentata ( Miami ). Ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale per l’Innovazione Tecnologica per Conflavoro ed è e Responsabile Comunicazione Stati Uniti per il MAIE. Relatore in eventi nazionali ed internazionali in ambito di neuromarketing, docente per realtà tra le quali la 24Ore Business School. Autore di “Neuromarketing per il food” (Flaccovio Editore) e co-autore negli U.S.A. nella pubblicazione “Money Matters Tips vol.2”. Votato dai membri della NMSBA (Neuromarketing Science & Business Association) come 6° miglior speaker nella Neuromarketing Series 2021

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.